12 min read

I 4 problemi più comuni delle confezionatrice per Piega Incolla (e come evitarli)

Featured Image

State pensando di procurarvi una confezionatrice per piega incolla o di automatizzare il processo di fine linea nel vostro reparto di piega incolla?

Per la maggior parte di voi, è probabilmente la prima volta che prendete in considerazione l'automazione. E questa è la parte più emozionante del viaggio!

Ma prima ancora di prendere in considerazione l'automazione, è importante che facciate la vostra ricerca per avere un'idea di quello in cui vi state cacciando.

In qualità di leader nella progettazione di macchinari per il confezionamento nelle linee di piega incollatrici, abbiamo visto in prima persona i problemi più problematici delle soluzioni di automazione.

In questo articolo, condivideremo con voi i 4 problemi più comuni, e le loro cause, che dovete conoscere prima di impegnarvi con un produttore di macchine. 

Inoltre, vi diremo esattamente come evitarli.

Nota: Queste cause sono "soluzioni agnostiche", vale a dire che si applicano indipendentemente dal livello di automazione che implementate e dal partner con cui decidete di andare.

 

I problemi e le soluzioni più comuni delle confezionatrici piega incolla più comuni

 

1. Problemi e incongruenze nella messa a punto della piega incolla.

Soluzione:

  • Trovare un grande produttore ed installatore
  • ricevere una formazione adeguata
  • ottimizzare la comunicazione del flusso di lavoro
  • Sviluppare le interconnessioni

2. Scatole che si incastrano nel processo di post-incollaggio

Soluzione:

  •  Identificare le scatole ad interblocco nell'analisi pre-vendita
  • Dedicare più tempo alla messa a punto della piega incolla
  • Aggiungere soluzioni di ripiegamento

3. Difficoltà di conteggio delle scatole una volta che si inizia ad automatizzare il processo di post-incollaggio 

Soluzione: 

  • Implementare un dispositivo di marcatura o un dispositivo automatico per il conteggio e la produzione di pacchetti

4. Mantenere il controllo di qualità durante l'automazione

Soluzione

  • Aggiungere sistemi di ispezione ed espulsione ed applicare procedure operative standard per la documentazione dei processi interni.

 

1. Problemi di piega incolla

 

Ammettiamolo: La piega incolla rimarrà il centro della vostra produzione, indipendentemente dalla soluzione di post-incollaggio utilizzata.

IMG_20200319_111816

Il vostro processo di incollaggio è il componente principale della vostra produzione. In altre parole, spingere la vostra piega incolla al massimo della sua capacità dovrebbe essere la vostra preoccupazione principale quando pensate di automatizzare il vostro processo di fine linea.

Probabilmente sapete che il processo di messa a punto della piega incolla è più simile all'artigianato che all'automazione. Aumentare la produzione della vostra piega-incolla non è mai facile come alzare la manopola della velocità di essa.

Ad esempio, quando si imposta una scatola complessa sulla piega incolla, ci vorrebbe del tempo per sintonizzarla  fino a raggiungere un buon livello di produzione e di consistenza.

Il problema, però, è che quando si sta mettendo a punto la piega-incollatrice, sia impostando una nuova scatola che facendo aggiustamenti per aumentare la velocità, si sta inevitabilmente buttando via gli scarti: 

Una scatola mezza piegata qui, un mucchio di scatole mal incollate lì, scatole incollate insieme, scatole strappate, ecc.

Conoscete la procedura!

Al contrario, quando si esegue il processo a mano senza confezionatrici o con solo una stazione/tavola d'aiuto per il confezionamento, non ha molta importanza. Questo perché il personale addetto al confezionamento riuscirebbe a smistare gli scarti, a metterli da parte ed a confezionare le scatole buone.

Ma più si sale sulla strada dell'automazione, più queste inconsistenze della piega incolla dovranno essere considerate nel processo di confezionamento.

Ad esempio, se non si dispone di sistemi di ispezione automatica o di espulsione, allora tutti gli scarti passano attraverso il nastro di compressione e raggiungono le apparecchiature di post-incollaggio.

Se questa macchina è completamente automatizzata, allora non c'è nessuno che risolva le anomalie. Quindi devono passare, altrimenti causano un inceppamento. 

Questo inceppamento provoca un accumulo di scatole davanti al tornitore, un inceppamento nella confezionatrice automatica, un inceppamento nello spintore dell'impilatore, ecc.Se tutte le macchine sono collegate tra loro (cosa che raccomandiamo vivamente), si attiva alla fine un arresto completo della piega incolla:

Una ricetta perfetta per un disastro di produzione.

Francamente, questo è lo scenario peggiore che può accadere, ma a volte succede. Fortunatamente, abbiamo avuto l'esperienza di affrontare queste sfide negli ultimi 20 anni. Sappiamo come affrontare questi problemi a testa alta prima o quando accadono.

 

La soluzione:

 

Chiedere un'analisi pre-vendita: Trovate un produttore/installatore di macchine che effettui un'analisi pre-vendita della vostra piega incolla e di qualsiasi apparecchiatura complementare prima di impegnarvi a firmare qualsiasi cosa.

Alla IMPACK, inviamo il nostro team di esperti per condurre un'analisi gratuita delle prestazioni dei vostri metodi di lavoro, delle prestazioni del reparto di finitura e delle capacità produttive per valutare il vostro livello di maturità dell'automazione e l'idoneità delle diverse soluzioni di automazione.

Ricevere una formazione sufficiente: Una delle soluzioni più preventive, ma meno applicate, è una formazione adeguata. Abbiamo visto più volte situazioni in cui l'analisi pre-vendita è andata brillantemente, l'installazione della macchina è andata senza intoppi e tutto sembra andare straordinariamente bene fino a quando non appare dal nulla un collo di bottiglia. 

È allora che tutti si bloccano e vanno nel panico. Che cosa si deve fare dopo?

Essere ben addestrati a far funzionare le vostre apparecchiature e mantenere un livello costante di conoscenza operativa tra tutti gli operatori è necessario per sostenere la vostra produttività. 

L'unico modo per raggiungere questo obiettivo è ottenere una formazione da parte degli esperti che hanno prodotto e installato la macchina stessa. 

Trovate un produttore/installatore di macchine che sia disposto non solo a fornirvi la formazione durante la settimana di installazione, ma anche ad aggiornarvi regolarmente per aiutarvi a diventare padroni delle vostre macchine.

Non esiste il produttore di macchine "perfette", ma ce ne sono alcune che sono molto meglio di altri. 

Quando valutate le diverse opzioni dei produttori di macchine, chiedete loro quali sono i problemi che hanno avuto in passato con i loro clienti e le loro macchine.

Le loro risposte parleranno dell'unica cosa che conta in questo tipo di relazioni: una partnership di fiducia.

Non si vuole raggiungere un punto di rottura della macchina e pentirsi di ogni decisione presa su quella macchina.

Qui alla IMPACK, forniamo una formazione completa per i nostri clienti durante e dopo l'installazione di una macchina. Ciò include una formazione di aggiornamento flessibile e adattabile al vostro programma. 

Qui alla IMPACK, forniamo una formazione completa per i nostri clienti durante e dopo l'installazione di una macchina. Ciò include una formazione di aggiornamento flessibile e adattabile al vostro programma. Inoltre, accompagniamo i nostri clienti nel processo di messa a punto della loro piega incolla tenendo conto della possibilità di integrare una soluzione di post-incollaggio, ad esempio un aiuto/assistenza al confezionamento o una confezionatrice. 

Ottimizzare la comunicazione del flusso di lavoro: La comunicazione e le responsabilità del flusso di lavoro tra l'operatore della piega incolla e il personale alla fine della linea di confezionamento è fondamentale. 

Dovreste sapere che anche se state pensando ad una confezionatrice completamente automatica come il Virtuo di IMPACK o le altre confezionatrici popolari sul mercato (CartonPack, DianaPack , OmegaPack, SigPack, J-Pack), ci sara' sempre una persona che alimenta le casse alla fine. L'unica eccezione è rappresentata dall'integrazione di un alimentatore automatico di casse.  

Ciò significa che l'ottimizzazione delle metodologie di comunicazione del flusso di lavoro è una necessità. 

Sviluppare le interconnessioni con la piega incolla: Le interconnessioni con la vostra piega incolla riducono i tempi di inattività causati dagli inceppamenti. Reagire istantaneamente ad un problema vi permetterà di evitare un potente collo di bottiglia e di ridurre il numero di scatole gettate via. 

 

2. Cartoni ad incastro

 

Un esempio di incastro di scatole.

 

Proprio come la soluzione di post-incollaggio è strettamente dipendente dalla macchina piega-incollatrice, lo stesso vale per il tipo di cartoni che si sta producendo. 

Il problema prevalente relativo alle scatole è l'interblocco. Gli interblocchi sono le scatole che si incastrano tra loro nel processo di post-incollaggio. Possono assumere molte forme e sono talvolta molto sottili.  

Questi interblocchi causano inceppamenti o danneggiano le scatole stesse. Possono verificarsi nel tornitore di scatole, nell'invertitore di pacchetti, nella confezionatrice o in tutte i 3. 

Gli interblocchi sono causati da alette sporgenti, maniglie e finestre.  

Essendo difficili da identificare, ma presenti ovunque, sono uno degli aspetti più critici da considerare durante la valutazione delle scatole. 

Un esempio di incastro di scatole.

Proprio come la soluzione di post-incollaggio è strettamente dipendente dalla macchina piega-incollatrice, lo stesso vale per il tipo di cartoni che si sta producendo. 

Il problema prevalente relativo alle scatole è l'interblocco. Gli interblocchi sono le scatole che si incastrano tra loro nel processo di post-incollaggio. Possono assumere molte forme e sono talvolta molto sottili.  

Questi interblocchi causano inceppamenti o danneggiano le scatole stesse. Possono verificarsi nel tornitore di scatole, nell'invertitore di lotto, nella confezionatrice o in tutte i 3. 

Gli interblocchi sono causati da alette sporgenti, maniglie e finestre.  

Essendo difficili da identificare, ma presenti ovunque, sono uno degli aspetti più critici da considerare durante la valutazione delle scatole. 

La soluzione: 

Identificare e gestire gli interblocchi: Il modo migliore per evitare o domare gli interblocchi è quello di identificarli nell'analisi pre-vendita.  

Nella maggior parte dei casi, si può riuscire a domarli nel processo di post-incollaggio mettendo a punto con maggiore precisione il passo della squama e regolando le guide con maggiore cura. 

Ma a volte sono semplicemente inevitabili e possono diventare dei rompicapi in un progetto. Quindi è fondamentale per voi prenderli prima di chiudere un affare. 

In breve,

  1. Trovare un produttore di macchine che offra un'analisi pre-vendita
  2. Assicuratevi che il produttore della vostra macchina possa identificare le scatole ad incastro nell'analisi pre-vendita
  3. Lavorate con il vostro costruttore di macchine per gestire questi interblocchi e assicuratevi di dedicare più tempo alla messa a punto del processo.

Avere soluzioni di ripiego: Avere una soluzione di ripiego può salvare la vostra produttività quando si verificano interblocchi potenti.

Quando valutiamo un rischio di interblocco persistente nell'ambito di un progetto, spesso proponiamo al nostro cliente una soluzione di ripiego per rendere questa scatola, se non più produttiva, almeno più gestibile. Questo può assumere la forma di stazioni di side-packing su un Ergosa o di nastri trasportatori bypass su soluzioni automatizzate.

 

3. Conteggio e produzione di pacchetti

 

Questo problema specifico ha bisogno di un contesto più ampio e potrebbe emergere come difficoltà solo quando si inizia ad automatizzare il processo di post-incollaggio. 

Finché il confezionamento viene effettuato a mano, il personale addetto alla confezione rimarrà pienamente operativo con la scatola di conteggio spostata nella piega incolla. Questa scatola di conteggio che viene sfalsata rispetto alle altre nella squama viene vista dal personale addetto all'imballaggio, in modo che possa immediatamente afferrare il pacchetto ed occuparsi della sua lavorazione. 

Le cose diventano più complicate una volta che si inizia ad aggiungere processi automatizzati e (o) tornitori di scatole. 

Counting-and-Batch-Making-photo

Un esempio di una scatola di conteggio offset nella squama che viene individuata dal responsabile del confezionamento.

Per quanto riguarda i tornitori, alcuni di loro, come il nostro INH o l'HandyPack, l'Omega Pack Station, la Tünkers e altri tornitori offerti da diverse aziende sul mercato, mantengono la scatola di conteggio offset in modo che il processo di confezionamento manuale possa ancora essere fatto come prima. Tuttavia, ci sono anche altri tornitori come i nostri IN1, IN2 e IN3 che non sempre mantengono la scatola di conteggio visibile dopo che la squama sia stata girata.

Questa scatola spesso scivolerà di nuovo in una squama omogenea dopo la rotazione. Ciò significa che non c'è alcun segnale visivo del conteggio dei pacchi per le persone che si occupano del confezionamento, che ora avrebbero bisogno di un ulteriore modo per vedere il conteggio. 

Per quanto riguarda i confezionatori completamente automatici, gli invertitori di pacchetti e soluzioni simili, una volta che si sposta l'addetto al confezionamento dal processo di produzione dei pacchetti alle attività di valore più elevato, è assolutamente necessario un dispositivo automatico di conteggio e di produzione dei pacchetti. 

 

La soluzione: 

 

Ci sono vari modi per affrontare questo problema e diverse aziende proporranno soluzioni distinte in base alle vostre esigenze e alle loro capacità. 

Alla IMPACK separiamo queste soluzioni in due tipi: Dispositivi di marcatura e unità di conteggio e separazione automatica. 

Dispositivi di marcatura: Questi sono i primi dispositivi di conteggio che abbiamo sviluppato. Per default, sono le soluzioni più semplici ed economiche della categoria semiautomatica.  

Il principio di base è quello di applicare una piccola quantità di sbiancante ottico diluito sul bordo della scatola spostata  dal kicker  della piega incolla. Una foto di questa procedura di uno dei nostri clienti è rappresentata qui sotto. 

Marking-Device-UV-Mark

Contatore ottico con il sistema OBP della IMPACK.

Questo sbiancante ottico, utilizzato in origine per sbiancare il cartone, ha la proprietà di un inchiostro invisibile alla luce normale e di brillare sotto le luci nere. Aggiungiamo poi una "striscia di led a luce nera" alla stazione operativa per rendere visibile questo segno da parte della persona o delle persone addette all'imballaggio. 

Problema risolto! 

Nota: Comprendiamo perfettamente che questa soluzione non è per tutti e alcuni clienti hanno dubbi e preoccupazioni quando si tratta di aggiungere dei segni sulle loro confezioni. Per rispondere a tutte le vostre domande, dubbi e preoccupazioni relative al funzionamento dei dispositivi di marcatura, abbiamo dedicato un intero articolo proprio per questo argomento! 

Dispositivi di conteggio e di separazione: Nel corso degli anni abbiamo sviluppato il nostro dispositivo di conteggio e separazione automatico chiamato "Intro", che è incluso in tutte le nostre soluzioni di confezionamento e impilaggio completamente automatizzate insieme ad una versione standalone per soluzioni semi-automatiche.

INTRO-2

L’INTRO  DI IMPACK: Un dispositivo automatico di conteggio e separazione con contatore laser e sistema a doppia cinghia.

 

Questo dispositivo conta i bordi della scatola con un contatore laser. Una volta raggiunto il conteggio, una prima sezione di nastro viene fermata per bloccare la squama in entrata. Una seconda sezione di nastro viene accelerata per tirare le scatole nell'unità a valle. Una volta completata la separazione della squama, le due sezioni cominciano a tornare indietro. 

Nonostante sia un requisito richiesto come parte di ogni soluzione completamente automatizzata, ci sono molti altri modi per fare questo processo. 

Assicuratevi di chiedere al vostro costruttore di macchine i requisiti dei loro sistemi di conteggio e di separazione.  

Di seguito sono riportate 5 domande fondamentali che dovreste porre al vostro costruttore di macchine: 

  1. Qual è il passo minimo richiesto tra le scatole? 
  2. Quali sono gli spessori min/max della squama e dei cartoni possibili? 
  3. Qual è la vostra precisione di conteggio e di separazione? (sono due cose diverse)
  4. Come possiamo contare le scatole di forma strana (non solo gli astucci)?
  5. Qual è la velocità massima in scatole per ora e min/max che si può contare

Queste considerazioni vi segnaleranno quanto sia versatile e adattabile la soluzione di un produttore di macchine.

No - non siamo i migliori produttori di macchine/installatori, ma abbiamo integrato tutte queste considerazioni nella progettazione delle nostre attrezzature insieme al costo, al processo di produzione e all'ingombro per fornirvi una soluzione su misura per le vostre specifiche esigenze. 

 

4. Mantenere il controllo di qualità e l'ispezione

 

Il problema finale è un'implicazione del principio generale dell'automatizzazione del processo di post-incollaggio.  

Anche se il vostro personale addetto al confezionamento potrebbe essere in grado di ispezionare accuratamente le scatole in un processo manuale, questo non è più il caso quando si aumenta significativamente la velocità della vostra piega incolla. Facendo un ulteriore passo avanti, quando si passa ad una soluzione completamente automatizzata, è tecnicamente impossibile ispezionare le scatole. 

A ciò si aggiunge il fatto che l'aumento della velocità porterà sicuramente nuove sfide alla piega incollatrice, causando così una maggiore quantità di scarti. 

Quindi, se si producono più scarti con meno tempo per l'ispezione, si potrebbe finire per spedire gli scarti al cliente, cosa che non si vuole certo fare. 

 

La soluzione: 

 

Aggiungere dispositivi di ispezione ed espulsione: Per ridurre al minimo questo rischio, potreste prendere in considerazione l'aggiunta di dispositivi di ispezione ed espulsione alla vostra piega incolla, quando possibile. 

Implementare metodologie di controllo qualità: Una soluzione alternativa sarebbe quella di esplorare come passare da un'ispezione approfondita e sistematica ad un'ispezione meno frequente. Esistono varie metodologie di controllo qualità e di ispezione come gli standard MIL per il campionamento o gli standard ISO per il controllo qualità che potreste già conoscere. 

Pronti a installare la vostra confezionatrice senza problemi?

Come abbiamo visto, i problemini nel funzionamento delle macchine accadono e sono comuni. 

Ogni macchina alla fine si guasta, si rompe o incontra qualche tipo di problema.

Questo non per scoraggiarvi dal esplorare soluzioni di automazione, ma per aiutarvi a diventare più consapevoli dei potenziali problemi che possono verificarsi, in modo da poterli evitare se e quando si verificano. 

Prima di impegnarsi con qualsiasi produttore, ci sono 3 punti chiave da considerare: 

1) Assicuratevi di aver stabilito un buon funzionamento delle vostre piega incollatrici: Padroneggiate le vostre piega incollatrici prima di pensare di automatizzare il vostro processo di fine linea. Questo significa spingere al limite la vostra piega incolla. In caso contrario, l'output sarebbe incoerente con molti scarti.  

2) Implementare procedure operative standard (SOP) per la piega incolla: Dato che non esiste una SOP generale, disponete di un modo per documentare i vostri processi interni. Questo vi permetterà di ottenere configurazioni ripetitive e standardizzate e di conseguenza l'uniformità dei vostri livelli di performance

3) Integrare sistemi di ispezione ed espulsione: A seconda del produttore e dell'età della vostra piega incolla, questi sistemi possono essere offerti come un add-on standard del produttore, un progetto personalizzato di terzi o un complesso progetto di retrofit. 

Chiedete al vostro produttore di piega incolla informazioni sulla loro offerta di questi sistemi e se non hanno una risposta soddisfacente per le vostre esigenze, potete contattarci in modo che possiamo indirizzarvi alle persone giuste per ottenere le risposte di cui avete bisogno. 

Volete automatizzare il vostro processo di fine linea per una migliore efficienza operativa e non ulteriori problemi operativi, ed è nostro obiettivo creare questa realtà.  

 

Nessuno vuole vedervi avere successo quanto voi. E vogliamo offrirvi una mano per guidarvi nella conoscenza di quale confezionatrice è giusta per voi. 

Se state pensando di prendere una confezionatrice ma siete ancora nervosi, abbiamo un articolo che potrebbe interessarvi su cos’è una confezionatrice e ne avete davvero bisogno.